Ministero degli Affari Esteri (Giappone)

Ministero degli Affari Esteri (Giappone)

Un articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ministero degli Affari Esteri
外務省
logo dell'organizzazione
sigillo del ministero
logo dell'organizzazione
edificio del ministero
Situazione
Creazione
Sede centrale Tokio
Informazioni sui contatti35° 40′ 26″ N, 139° 44′ 56″ E
Lingua giapponese
Organizzazione
Forza lavoro 5757 [rif. necessario]
Il Ministro degli Affari Esteri Yoshimasa Hayashi
Organizzazioni affiliate PLD

Sito web http://www.mofa.go.jp
Geolocalizzazione sulla mappa: Tokyo
(Vedi posizione sulla mappa: Tokyo)
Ministero degli Affari Esteri 外務省

Il Ministero degli Affari Esteri (外務省, Gaimushō ? ) è uno dei dipartimenti ministeriali del Gabinetto del Giappone , ufficialmente tradotto in inglese come Ministero degli Affari Esteri (MOFA), responsabile della definizione, gestione e attuazione della diplomazia giapponese. Si trova al 2-2-1 Kasumigaseki nel reparto speciale di Chiyoda di Tokyo .

Storia

Dopo la fine più o meno forzata nel 1853 della politica isolazionista del sakoku guidata dallo shogunato Tokugawa , quest'ultimo dovette dotarsi di funzionari incaricati di negoziare con i diplomatici stranieri e di condurre gli affari esteri del Giappone . Il rōjū e de facto capo dell'amministrazione bakufu Hotta Masayoshi nomina un consiglio di specialisti del commercio internazionale, posto sotto la sua direzione e incaricato di consigliarlo sulla procedura per l'apertura di porti e di negoziare trattati con paesi stranieri.

Da', furono nominati "Magistrati delle Nazioni Estere" (外国奉行, gaikoku bugyō ? ) , il cui status era di poco inferiore a quello di daimyo . Cinque all'inizio, il loro numero variava notevolmente durante il periodo Bakumatsu (la fine dello shogunato), con un massimo raggiunto a 13. La prima missione diplomatica all'estero, in questo caso in Europa , fu inviata nel 1862 . Mentre furono soppressi come l'intero bakufu durante la Restaurazione Meiji del 1868 , servirono come base per la futura amministrazione diplomatica.

Da gennaio a, nel governo di Sanshoku , viene creata un'Agenzia delle Nazioni Estere (外国事務, Gaikoku Jimu ? ) con a capo prima di tutto un "Presidente" (裁, Sōsai ? , in questo caso il principe Komatsu Akihito ) , poi "Governatori" Generale” (, Sōtoku ?, quattro poi uno ) dae infine un "Office Manager" (局督, Kyoku-toku ? ) da. Questa amministrazione diventa, dopo la promulgazione del Seitaisho (o Codice di governo, noto anche come "Costituzione di ") e il ripristino del Dajōkan ("Dipartimento di Stato"), il "Dipartimento delle Nazioni Estere" (外国官, Gaikoku-kan ? ) guidato da un "Governatore" (知事, Chiji ? ) . Fu a sua volta sostituito nel giugno 1869 nel Dajōkan dalla "Agenzia per gli Affari Esteri" (外務事務, Gaimu Jimu ? ) guidata dal "Grande Ufficiale degli Affari Esteri" (外務卿, Gaimu-kyō ? )e infine il primo Ministero degli Affari Esteri (外務省, Gaimu-shō ? ) guidato da un Ministro degli Affari Esteri (外務大臣, Gaimu Daijin ? ) è stato creato nel. È quindi una delle più antiche amministrazioni del governo giapponese. La carriera diplomatica, vera prerogativa del kazoku (l'aristocrazia nata dall'era Meiji ) fino alla sua abolizione nel 1947 , rimane ancora oggi una delle più prestigiose del Giappone . Dalla fine della seconda guerra mondiale , la maggior parte dei diplomatici ha superato l'Alto esame di servizio internazionale dopo aver superato una facoltà di giurisprudenza e prima di tutto quella della rinomata Università di Tokyo . Praticamente tutti gli ambasciatori dagli anni '50 sono stati scelti tra i veterani del ministero. La moglie del Naruhito , la principessa Masako , quindi destinata a diventare la prossima imperatrice consorte , è lei stessa del mondo diplomatico.

Il Gaimu Daijin è sempre stato una delle posizioni di gabinetto più importanti . È primo in ordine di precedenza subito dopo il Primo Ministro (diversi di quest'ultimo hanno peraltro unito a questa funzione quella di Ministro degli Affari Esteri: Shigenobu Ōkuma , Giichi Tanaka , Shigeru Yoshida e Nobusuke Kishi , oltre a quelli che hanno ricoperto il ruolo di interim ) fino al 1948 , e il ministro Uchida Kōsai servì due volte come Primo Ministro ad interim (nel novembre 1921 dopo l'assassinio di Takashi Hara , eagosto - settembre 1923 , quindi durante il terremoto di Kantō , dopo la morte di Katō Tomosaburō ). È stato poi secondo, dopo Ministro della Giustizia, dal 1948 fino alla riforma del governo del 2001 , e da allora terzo in seguito alla creazione del grande Ministero dell'Interno e delle Comunicazioni che ha preso il primo posto. Mantiene un peso notevole, ed è generalmente affidato a una figura del partito di maggioranza (i due ministri precedenti tra il 2009 e il 2011 , Katsuya Okada poi Seiji Maehara, sono stati entrambi presidenti del Partito Democratico del Giappone tra il 2004 e il 2006 e artefici dell'arrivo di Naoto Kan come Primo Ministro ). Dal 1947 ben 12 Primi Ministri su 29 sono stati, nella loro carriera politica, anche Ministro degli Affari Esteri, i più recenti sono Tarō Asō , Gaimu Daijin dal 2005 al 2007 e Capo del Governo dal 2008 al 2009 .

Dalla fine della seconda guerra mondiale , il ministero non ha più il monopolio della politica estera nel suo complesso, con la creazione di dipartimenti che hanno anche ambiti di competenza in materia ( Ministero delle finanze per le dogane, trattative su prezzi e valuta fluttuazioni, finanza internazionale e natura degli importi degli aiuti allo sviluppo; il Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria per i flussi commerciali, le importazioni e le esportazioni; il Ministero dell'agricoltura, delle foreste e della pesca per le importazioni di prodotti alimentari e agricoli e dei diritti di pesca; il Ministero della giustiziaper la politica di controllo dell'immigrazione e l'intelligence strategica; Ministero della Difesa per il dispiegamento o ritiro delle Forze di Autodifesa ). Tuttavia, la sua importanza sembra destinata ad aumentare con la successione dagli anni '90 di Primi Ministri che chiedono al Giappone di svolgere un ruolo commisurato al suo potere economico sulla scena internazionale, attraverso una candidatura per un seggio permanente nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU . la partecipazione a missioni umanitarie e di ricostruzione nelle zone di conflitto o anche la costruzione di una "Comunità dell'Asia orientale" sul modello dell'Unione Europea .

Elenco storico dei ministri degli esteri giapponesi

Kaoru Inoue , primo ministro degli Affari esteri giapponese vero e proprio

Le date in grassetto indicano i periodi durante i quali il titolare del ministero è anche Presidente del Consiglio  :

  1. Kaoru Inoue ( 1885 - 1887 )
  2. Hirobumi Itō ( 1887 - 1888 )
  3. Shigenobu Ōkuma ( 1888 - 1889 , 1896 - 1897 , 1898 , 1915 recitazione)
  4. Shuzo Aoki ( 1889 - 1891 , 1898 - 1900 )
  5. Takeaki Enomoto ( 1891 - 1892 )
  6. Mutsu Munemitsu ( 1892 - 1896 )
  7. Kimmochi Saionji ( 1896 , recitazione 1906 )
  8. Saneyoshi Yasuzumi ( 1897 - 1898 )
  9. Takaaki Kato ( 1900 - 1901 , 1906 , 1913 , 1914 - 1915 )
  10. Sone Arasuke ( 1901 )
  11. Komura Jutaro ( 1901 - 1906 , 1908 - 1911 )
  12. Hayashi Tadasu ( 1906 - 1908 )
  13. Masatake Terauchi ( 1908 , recitazione 1916 )
  14. Uchida Kosai ( 1911 - 1912 , 1918 - 1923 , 1932 - 1933 )
  15. Tarō Katsura ( 1912 - 1913 recitazione)
  16. Nobuaki Makino ( 1913 - 1914 )
  17. Ishii Kikujiro ( 1915 - 1916 )
  18. Motono Ichiro ( 1916 - 1918 )
  19. Shimpei Gotō ( 1918 )
  20. Gonnohyōe Yamamoto ( recitazione 1923 )
  21. Ijun Hikokichi ( 1923 - 1924 )
  22. Matsui Keishiro ( 1924 )
  23. Kijūrō Shidehara ( 1924–1927 , 1929–1931 ) _ _ _
  24. Giichi Tanaka ( 1927 - 1929 )
  25. Tsuyoshi Inukai ( 1931 - 1932 recitazione)
  26. Kenkichi Yoshizawa ( 1932 )
  27. Makoto Saito ( 1932 )
  28. Koki Hirota ( 1933 - 1936 , 1937 - 1938 )
  29. Hachiro Arita ( 1936 - 1937 , 1938 - 1939 , 1940 )
  30. Senjuro Hayashi ( 1937 recitazione)
  31. Naotake Sato ( 1937 )
  32. Kazushige Ugaki ( 1938 )
  33. Fumimaro Konoe ( recitazione del 1938 )
  34. Nobuyuki Abe ( 1939 )
  35. Kichisaburo Nomura ( 1939 - 1940 )
  36. Yosuke Matsuoka ( 1940 - 1941 )
  37. Teijiro Toyoda ( 1941 )
  38. Shigenori Togo ( 1941 - 1942 , 1945 )
  39. Hideki Tojo ( 1942 recitazione)
  40. Masayuki Tani ( 1942 - 1943 )
  41. Mamoru Shigemitsu ( 1943 - 1945 , 1945 , 1954 - 1956 )
  42. Kantaro Suzuki ( 1945 recitazione)
  43. Shigeru Yoshida ( 1945 - 1947 mentre prestava servizio come Primo Ministro 1946 - 1947 , 1948 - 1952 )
  44. Tetsu Katayama ( recitazione del 1947 )
  45. Hitoshi Ashida ( 1947-1948 ) _
  46. Katsuo Okazaki ( 1952 - 1954 )
  47. Tanzan Ishibashi ( recitazione del 1956 )
  48. Nobusuke Kishi ( 1956 - 1957 )
  49. Ai'ichiro Fujiyama ( 1957 - 1960 )
  50. Zentaro Kosaka ( 1960 - 1962 , 1976 )
  51. Masayoshi Ohira ( 1962 - 1964 , 1972 - 1974 )
  52. Etsusaburo Shiina ( 1964 - 1966 )
  53. Takeo Miki ( 1966 - 1968 )
  54. Eisaku Sato ( recitazione del 1968 )
  55. Kiichi Aichi ( 1968 - 1971 )
  56. Takeo Fukuda ( 1971 - 1972 )
  57. Toshio Kimura ( 1974 )
  58. Kiichi Miyazawa ( 1974 - 1976 )
  59. Iichiro Hatoyama ( 1976 - 1977 )
  60. Sunao Sonoda ( 1977 - 1979 , 1981 )
  61. Saburō Okita ( 1979 - 1980 )
  62. Masayoshi Itō ( 1980 - 1981 )
  63. Yoshio Sakurauchi ( 1981-1982 )
  64. Shintaro Abe ( 1982 - 1986 )
  65. Tadashi Kuranari ( 1986 - 1987 )
  66. Sosuke Uno ( 1987 - 1989 )
  67. Hiroshi Mitsuzuka ( 1989 )
  68. Tarō Nakayama ( 1989 - 1991 )
  69. Michio Watanabe ( 1991 - 1993 )
  70. Kabun Muto ( 1993 )
  71. Tsutomu Hata ( 1993 - 1994 )
  72. Koji Kakizawa ( 1994 )
  73. Yohei Kono ( 1994 - 1996 , 1999 - 2001 )
  74. Yukihiko Ikeda ( 1996 - 1997 )
  75. Keizō Obuchi ( 1997 - 1998 )
  76. Masahiko Komura ( 1998 - 1999 , 2007 - 2008 )
  77. Makiko Tanaka ( 2001 - 2002 )
  78. Jun'ichiro Koizumi ( recitazione 2002 )
  79. Yoriko Kawaguchi ( 2002 - 2004 )
  80. Nobutaka Machimura ( 2004 - 2005 , 2007 )
  81. Tarō Aso ( 2005 - 2007 )
  82. Hirofumi Nakasone ( 2008 - 2009 )
  83. Katsuya Okada (2009-2010)
  84. Seiji Maehara (2010-2011)
  85. Yukio Edano (2011, recitazione)
  86. Takeaki Matsumoto (2011)
  87. Koichiro Genba (2011-2012)
  88. Fumio Kishida (2012-2017)
  89. Taro Kono (2017-2019)
  90. Toshimitsu Motegi (2019-2021)
  91. Fumio Kishida (2021, recitazione)
  92. Yoshimasa Hayashi (dal 2021)

Compiti

Le attuali attribuzioni e missioni del Ministero degli Affari Esteri sono definite dalla “legge istitutiva del Ministero degli Affari Esteri”. Secondo lei, "la sua missione è consentire il miglioramento dei benefici del Giappone e dei cittadini giapponesi, contribuendo nel contempo al mantenimento di una società internazionale pacifica e sicura e, attraverso misure attive ed efficaci, sia per raggiungere un buon ambiente internazionale che mantenere e sviluppare relazioni esterne armoniose” (articolo 3) [ 1 ] .

Concretamente, ciò implica:

  • pianificare, definire, elaborare e attuare la politica estera del Giappone, nonché informare e consigliare il Primo Ministro , il Gabinetto , la Dieta e il pubblico giapponese sullo stato di questa situazione e sulla situazione internazionale,
  • l'organizzazione di negoziati sia bilaterali che multilaterali con i paesi con i quali il paese intrattiene relazioni diplomatiche in tutti i settori di cooperazione in cui questi paesi sono collegati e nelle organizzazioni internazionali di cui il Giappone è membro,
  • la negoziazione e conclusione dei trattati e la loro attuazione una volta ratificati,
  • la protezione dei cittadini giapponesi all'estero e il rispetto dei loro diritti civili e legali,
  • il rilascio di passaporti e la gestione delle pratiche di visto per i cittadini giapponesi che si recano all'estero, più in generale la pianificazione e la gestione degli affari di emigrazione,
  • la gestione del corpo diplomatico, e quindi di reclutamento, carriera e avanzamento, e il coordinamento delle rappresentanze diplomatiche giapponesi all'estero, e le relazioni con le missioni estere presenti sul suolo giapponese.

Amministrazione interna

Ministro, Vice Ministro e Segretario parlamentare

  • Ministro (大臣, Daijin ? )  :
Personalità Sono partiti Fazione Dieta collegio elettorale
Toshimitsu Motegi PLD Che rappresentano Tochigi (  circoscrizione )
  • viceministro (大臣, Fuku-daijin ? )  :
Personalità Sono partiti Fazione Dieta collegio elettorale
Shunichi Suzuki PLD Kishida Che rappresentano Iwate (  distretto )
Masaji Matsuyama PLD Kishida Consigliare Prefettura di Fukuoka
  • Segretari parlamentari (政務官, Seimukan ? )  :
Personalità Sono partiti Fazione Dieta collegio elettorale
Toshiko Abe PLD Tanigaki Rappresentante Okayama (  Distretto )
Minoru Kiuchi PLD - Che rappresentano Shizuoka ( Rione  )
Kenta Wakabayashi PLD Machimura Consigliare Prefettura di Nagano

Viceministro amministrativo

Il "viceministro amministrativo" (事務次官, Jimu-jikan ? ) è in Giappone l'alto funzionario posto al vertice gerarchico dell'amministrazione di un ministero, subito dopo il ministro, i primi viceministri e i segretari parlamentari che sono politici che sono membri del governo. Dalla riforma del 1998 , applicata nel 2001 , ne esiste una sola per ministero. Il viceministro amministrativo coadiuva il ministro nelle materie quali il mantenimento dell'ordine negli affari amministrativi del ministero o la vigilanza sull'opera delle divisioni, degli uffici, degli enti affiliati e degli uffici locali. Fino al 2009, una conferenza dei viceministri amministrativi (事務次官等会議, Jimu-jikan-tō kaigi ? ) di ogni ministero si è riunita due volte alla settimana (lunedì e giovedì), un giorno prima di un consiglio dei ministri, per coordinare i fascicoli su quest'ultimo ordine del giorno [ 2 ] . Questo incontro, criticato in particolare dal DPJ e in generale dai membri dell'opposizione al PLD come uno dei principali simboli del posto troppo forte lasciato agli alti funzionari nella gestione dello Stato a scapito della politica degli uomini, è stato soppresso non appena i Democratici sono saliti al potere a settembre 2009 [ 3 ] . L'attuale viceministro amministrativo degli affari esteri è stato, da allora, Ken'ichiro Sasae (prima della sua nomina a questo incarico, era vicedirettore, o segretario generale, degli affari esteri, incaricato degli affari politici).

Servizi amministrativi

  • Segreteria del ministro (大臣官房, Daijin kanbō ? )  : si occupa del coordinamento e dell'organizzazione amministrativa generale del ministero, nonché delle funzioni della segreteria del ministro come suggerisce il nome:
  • Office of Foreign Policy (総合外交政策局, Sōgō gaikō seisaku kyoku ? )  : pianificazione della politica estera sia teoricamente che concretamente a medio o lungo termine, coordinando le politiche definite dagli altri uffici e ponendo particolare enfasi sulla sicurezza nazionale, Affari ONU e gestione delle crisi diplomatiche.
  • Office of Asian and Oceanian Affairs (アジア大洋州局, Ajia Taiyōshū kyoku ? )  : attuazione, pianificazione e definizione di politiche riguardanti la regione Asia-Pacifico, comprese le relazioni con i paesi e la protezione dei cittadini giapponesi presenti in uno di questi paesi.
  • Ufficio per gli affari nordamericani (北米局, Hokubei kyoku ? ) .
  • Bureau of Latin American Affairs (中南米局, Chū-Nanbei kyoku ? ) .
  • Ufficio per gli affari europei (欧州局, Ōshū kyoku ? ) .
  • Ufficio per gli affari mediorientali e africani (中東アフリカ局, Chūtō Afurika kyoku ? ) .
  • Bureau of Economic Affairs (経済局, Keizai kyoku ? )  : responsabile della protezione e promozione degli interessi giapponesi nel commercio estero e nella navigazione, cooperazione con organizzazioni economiche internazionali, gestione di questioni relative ai trattati commerciali o alla navigazione e altri accordi economici nonché il rilevamento della situazione economica internazionale attraverso la compilazione di dati e statistiche. In genere opera in consultazione con i dipartimenti del Ministero delle Finanze .
  • Ufficio per la Cooperazione Internazionale (国際協力局, Kokusai kyōryoku kyoku ? )  : organizza la definizione e l'applicazione della politica di aiuto allo sviluppo e di cooperazione economica con Stati esteri e organizzazioni internazionali, la promozione e la tutela degli interessi di investimento giapponesi all'estero, si occupa delle problematiche relativa alla sicurezza umana, alla politica internazionale in materia di ambiente e cambiamento climatico, agli aiuti umanitari e alle ONG e alla pianificazione dell'uso del territorio, la legge per il dispiegamento delle squadre giapponesi di soccorso in caso di calamità, nonché le politiche all'interno delle Nazioni Unitee altre agenzie specializzate in affari economici e sociali e sovrintende alla Japan International Cooperation Agency .
  • Office of International Legal Affairs (国際法局, Kokusai-hō kyoku ? )  : si occupa della conclusione di trattati o altri accordi internazionali e di questioni di diritto internazionale .
  • Bureau of Consular Affairs (領事局, Ryōji kyoku ? )  : si occupa dello stato civile, e quindi della difesa degli interessi (civili ed economici), dei cittadini giapponesi residenti all'estero, e prevede il riconoscimento legale di tale status, è questo servizio che si occupa del rilascio dei passaporti per i cittadini giapponesi che viaggiano all'estero e dei visti. Stabilisce la politica per la promozione e la regolamentazione dell'emigrazione, nonché le questioni diplomatiche relative ai cittadini stranieri residenti in Giappone .
  • Intelligence and International Analysis Service (国際情報統括官組織, Kokusai jōhō tōkatsu kansoshiki ? )  : raccolta di informazioni, e loro gestione, sulla situazione internazionale, organizzazione di ricerche sull'argomento, in particolare sull'estero, e analisi generale di questa situazione.
  • Istituto di Formazione del Ministero degli Affari Esteri (外務省研修所, Gaimushō kenshūsho ? )  : organizzazione della formazione del personale del ministero, siano essi neoassunti, prima di un incarico all'estero o di formazione continua a metà carriera.
  • Rete di ambasciate e consolati giapponesi . Ambasciatori e consoli sono nominati dal Gabinetto .

Riferimenti

Vedi pure

Articoli Correlati

link esterno